Andamento e risultati del Gruppo nel 2013

Nel presente documento, in aggiunta alle grandezze finanziarie previste dagli International Financial Reporting Standards (IFRS), vengono utilizzati degli indicatori alternativi di performance, derivati dagli IFRS, allo scopo di consentire una migliore valutazione dell’andamento della gestione di Gruppo. Tali indicatori sono: Margine Operativo Lordo, Attività fisse, Fondi, Capitale Circolante operativo, Capitale Circolante netto, Posizione finanziaria netta. Si rimanda al paragrafo “Indicatori alternativi di performance” per una più analitica descrizione di tali indicatori.

A seguito dell’entrata in vigore dal 1° gennaio 2013 del nuovo principio IAS 19 revised “Benefici ai dipendenti”, i dati relativi al 2012 sono stati oggetto di restatement.

Nella tabella di seguito si riporta la sintesi degli impatti sulle principali grandezze economico/patrimoniali nei differenti trimestri e sul totale dell’anno 2012. Si rimanda alle note illustrative al Bilancio Consolidato per ulteriori dettagli.

(in milioni di euro)
  31.03.2012   30.06.2012   30.09.2012   31.12.2012   
2012  reported 2012  restated delta 2012  reported 2012  restated delta 2012  reported 2012  restated delta 2012  reported 2012  restated delta 
Impatto economico             
Risultato Operativo trimestre  209,4  212,7  3,3  191,3  192,6  1,3  192,1  195,5  3,4  188,0  191,7  3,7 
Risultato Operativo progressivo  - - - 400,7  405,3  4,6  592,8  600,8  8,0  780,8  792,5  11,7 
             
Risultato Netto trimestre  125,3  123,6  (1,7)  96,4  94,9  (1,5)  86,6  84,8  (1,8)  89,9  88,2  (1,7) 
Risultato Netto progressivo  - - - 221,7  218,5  (3,2)  308,3  303,3  (5,0)  398,2  391,5  (6,7) 
Impatto patrimoniale             
Riserve  851,5  853,2  1,7  681,9  685,1  3,2  677,3  682,3  5,0  647,9  654,6  6,7 
Risultato Netto progressivo  125,3  123,6  (1,7)  221,7  218,5  (3,2)  308,3  303,3  (5,0)  398,2  391,5  (6,7) 
Totale Patrimonio netto  2.320,1  2.320,1  - 2.246,9  2.246,9  - 2.328,9  2.328,9  - 2.389,4  2.389,4  -

Nel presente documento, i commenti delle variazioni rispetto al 31 dicembre 2012 sono sempre riferiti al dato restated, se non diversamente indicato.

Il 2013 è stato caratterizzato da uno scenario macroeconomico ancora difficile con l’avvio della ripresa del ciclo economico in Europa, seppur a ritmi moderati, e la crescente volatilità dei cambi nei paesi emergenti (real brasiliano, peso argentino, lira turca e sterlina egiziana).

Questa situazione si è rispecchiata nell’andamento dei mercati di riferimento di Pirelli: l’Europa ha registrato volumi stabili sui livelli del 2012, mentre in Russia la debolezza del mercato ha riguardato soprattutto il canale primo equipaggiamento ed il segmento Summer. Il mercato Premium, centrale per la strategia del Gruppo, ha confermato un andamento positivo e superiore alla media di mercato, con un crescita di circa il 9% (pneumatici vettura).

L’esposizione ai mercati più dinamici e la focalizzazione sui segmenti di valore hanno permesso a Pirelli, pur nel citato contesto, di registrare volumi Consumer in aumento del 4,6% e volumi Premium al +15,3%, superiore all’obiettivo 2013 fissato in una crescita di oltre il 13%. Volumi in aumento rispetto al 2012 anche nel segmento Industrial, principalmente grazie al positivo andamento delle vendite nei mercati sudamericani nella prima parte dell’anno.

I ricavi consolidati nel 2013 sono pari a 6.146,2 milioni di euro, in crescita dell’1,2% pur in presenza di un significativo impatto negativo derivante dai cambi (-7,2%), grazie all’incremento delle vendite Premium (49,3% dei ricavi Consumer, in aumento di 2,3 punti percentuali rispetto al 2012) e al crescente contributo dei mercati emergenti (55,7% delle vendite tyre, con un aumento dell’incidenza di 1,6 punti percentuali su base annua).

Il risultato operativo consolidato è pari a 791,0 milioni di euro, 12,9% il rapporto sui ricavi, sostanzialmente stabile rispetto al 2012 (792,5 milioni di euro il risultato operativo a dicembre 2012 con un Ebit margin del 13,1%): oltre al positivo andamento dei volumi, la profittabilità beneficia del successo di Pirelli, caso unico nel settore nel 2013, nel miglioramento del prezzo/mix quale risultante della strategia di valore. Il miglioramento delle variabili operative, unitamente alle efficienze, hanno controbilanciato i maggiori costi industriali (start-up Messico e Russia, riconversione degli impianti di Settimo Torinese) e commerciali – quali investimenti per la futura crescita del business – incluso i maggiori ammortamenti. Il risultato sconta, come per i ricavi, la sfavorevole dinamica dei cambi che ha generato una variazione negativa di consolidamento pari a quasi 63 milioni di euro.

Il risultato netto dell’Esercizio 2013 è pari a 306,5 milioni di euro rispetto ai 391,5 milioni di euro dell’anno 2012.

Sul valore complessivo hanno inciso i maggiori oneri finanziari netti, in crescita di circa 45 milioni di euro a 195,8 milioni di euro: la variazione è riconducibile al maggiore livello medio di indebitamento, soprattutto nei primi sei mesi del 2013, al diverso mix di aree geografiche di finanziamento, all’impatto negativo per 8,5 milioni di euro derivanti dalla svalutazione della moneta venezuelana nei conti della consociata locale ed ai minori proventi finanziari derivanti dal finanziamento a Prelios S.p.A. per circa 13 milioni di euro. Il confronto con l’esercizio precedente riflette, infine, la registrazione nel 2012 di proventi su cambi non ripetitivi per 8,7 milioni di euro collegati all’avvio delle attività in Russia.

L’impatto complessivo derivante dalle partecipazioni finanziarie, negativo per 78,3 milioni di euro (-52,2 milioni di euro nel 2012) è legato alle partecipazioni in RCS Mediagroup S.p.A. e Mediobanca S.p.A. per circa -20 milioni, dell’adeguamento a fair value dello strumento finanziario “convertendo” di Prelios S.p.A. per -44,3 milioni di euro ed alla quota di risultato della collegata Prelios S.p.A. per l’ultimo trimestre definita sulla base delle informazioni disponibili (-12,8 milioni di euro).

La posizione finanziaria netta consolidata è passiva per 1.322,4 milioni di euro rispetto a 1.205,2 milioni di euro di fine 2012. Nel corso del terzo trimestre si è registrata la prevista conversione del credito finanziario verso Prelios S.p.A. in azioni e strumenti di equity (cosiddetto “convertendo”) a seguito della chiusura del processo di ristrutturazione del debito e dell’aumento di capitale della società immobiliare; l’impatto complessivo sulla posizione finanziaria netta di Gruppo è stato un peggioramento di circa 193 milioni di euro, inclusivi del versamento cash della quota di aumento di capitale sociale effettuato tramite la società Fenice S.r.l per circa 23 milioni di euro.

Nel terzo trimestre è stata anche sottoscritta e versata la quota di competenza dell’aumento di capitale in RCS Mediagroup S.p.A. per 21,3 milioni di euro, mentre nel secondo trimestre è avvenuto il pagamento del dividendo della capogruppo agli azionisti per circa 157 milioni di euro.

Il flusso netto della gestione operativa è stato positivo per 720,1 milioni di euro nel 2013, in deciso aumento rispetto ai 281,1 milioni di euro nel 2012 grazie alla migliore gestione del capitale circolante; il dato sconta un forte contributo nell’ultimo trimestre dell’anno, stagionalmente più favorevole.

Complessivamente il Gruppo, prima del pagamento del dividendo della capogruppo agli azionisti e dell’impatto relativo alla conversione del credito Prelios, ha registrato un flusso netto positivo per circa 232 milioni di euro. Per quanto riguarda le attività Tyre, 99,5% delle vendite del Gruppo, i ricavi al 31 dicembre 2013 sono stati pari a 6.115,8 milioni di euro in aumento dell’1,4% (+8,6% prima dell’impatto dei cambi) grazie alla crescita dei volumi (+5,7%) e al positivo apporto della componente prezzo/mix (+2,9%).

Entrambi i business registrano volumi in crescita, +4,6% nel Consumer grazie alle vendite in Sud America ed alla buona perfomance del Premium in Cina, Nafta e Europa, e +8,7% nell’Industrial dove la crescita è focalizzata in Sud America.

Dal punto di vista geografico la crescita dei ricavi sui mercati emergenti (+4,3%) ha più che compensato la riduzione delle vendite in Europa e Nafta (rispettivamente -2,2% e -1,5%). In particolare i ricavi in Sud America hanno registrato un incremento del 5,2% (incluso effetto cambi), +14,5% è stata la crescita in Asia-Pacific mentre sono sostanzialmente stabili rispetto al 2012 le vendite in Russia ed in riduzione del 5% quelle in Middle East Africa che scontano l’elevata volatilità dei cambi.

I ricavi Premium sono stati pari a 2.210,0 milioni di euro, con una crescita del 6,5% rispetto al 2012 ed un apporto crescente nel corso dell’anno, dopo un primo trimestre negativo.

La crescita è stata maggiore nei paesi emergenti dove si è registrato un aumento dei ricavi Premium del +21,9% rispetto al 2012.

Nell’area Nafta i ricavi Premium sono cresciuti del 3,1% e l’Europa, pur risentendo della recessione, ha segnato vendite Premium in crescita dell’1,7% grazie alla performance degli ultimi due trimestri dell’anno (+7,2% nel terzo trimestre e +17,2% nel quarto trimestre).

Il risultato operativo del 2013 è stato di 822,0 milioni di euro, con un Ebit margin del 13,4% (820,8 milioni di euro nell’anno precedente, pari al 13,6% delle vendite).

Con riferimento ai diversi segmenti di business, il Consumer ha maggiormente risentito dell’andamento dei mercati europeo e russo, rispettivamente stabile e in leggera flessione, registrando nel 2013 vendite per 4.478,9 milioni di euro, +1,3% sul 2012 (incluso effetto cambi negativo del 6,5%); il risultato operativo è stato di 596,4 milioni di euro, 13,3% sulle vendite, in calo di 1,2 punti percentuali sul 2012, principalmente per l’impatto negativo dei cambi, dei costi di riconversione degli impianti truck di Settimo Torinese in Premium car, dei costi di start-up delle attività in Messico e Russia e dei maggiori costi commerciali per lo sviluppo del Premium.

Il business Industrial, focalizzato soprattutto in Sud America e nell’area MEAI, ha registrato vendite pari a 1.636,9 milioni di euro, in crescita dell’1,6% sul dato del 2012 (dopo aver scontato un negativo impatto per i cambi pari a -9,2%); il risultato operativo ha registrato un miglioramento del 26% a 225,6 milioni di euro, con una redditività (Ebit margin) in crescita dall’11,1% al 13,8%, anche grazie alla capacità produttiva localizzata interamente in paesi caratterizzati da bassi costi industriali.

Il consolidato di Gruppo si può riassumere come segue

(in milioni di euro)
 31.12.2013 31.12.2012 restated 31.12.2012 reported 
Vendite  6.146,2  6.071,5  6.071,5 
Margine operativo lordo ante oneri ristrutturazione  1.105,4  1.102,9  1.091,2 
% su vendite  18,0%  18,2%  18,0% 
Risultato operativo ante oneri di ristrutturazione  816,5  831,6  819,9 
% su vendite  13,3%  13,7%  13,5% 
Oneri di ristrutturazione  (25,5)  (39,1)  (39,1) 
Risultato operativo  791,0  792,5  780,8 
% su vendite  12,9%  13,1%  12,9% 
Risultato da partecipazioni  (78,3)  (52,2)  (52,2) 
(Oneri)/Proventi finanziari  (195,8)  (150,5)  (129,5) 
Risultato ante imposte  516,9  589,8  599,1 
Oneri fiscali  (210,4)  (198,3)  (200,9) 
Tax rate %  40,7%  33,6%  33,5% 
Risultato netto  306,5  391,5  398,2 
Risultato netto di pertinenza di Pirelli & C. S.p.A.  303,6  387,1  393,8 
Risultato netto di pertinenza per azione (in euro)  0,622  0,793  0,807 
Attività fisse  4.043,0  3.877,2  3.877,2 
Scorte  987,3  1.102,6  1.102,6 
Crediti commerciali  666,4  704,6  704,6 
Debiti commerciali  (1.244,5)  (1.268,7)  (1.268,7) 
Capitale circolante netto operativo  409,2  538,5  538,5 
% su vendite  6,7%  8,9%  8,9% 
Altri crediti/Altri debiti  3,0  11,0  11,0 
Capitale circolante netto totale  412,2  549,5  549,5 
% su vendite  6,7%  9,1%  9,1% 
Capitale netto investito   4.455,2  4.426,7  4.426,7 
Patrimonio netto  2.436,6  2.389,4  2.389,4 
Fondi  696,2  832,1  832,1 
Posizione finanziaria netta (attiva)/passiva  1.322,4  1.205,2  1.205,2 
Patrimonio netto di pertinenza di Pirelli & C. S.p.A.  2.376,1  2.337,4  2.337,4 
Patrimonio netto di pertinenza per azione (in euro)  4,869  4,790  4,790 
Attività Tyre - vendite  6.115,8  6.031,3  6.031,3 
% su vendite totali  99,5%  99,3%  99,3% 
Attività Tyre - risultato operativo  822,0  820,8  809,1 
% su vendite attività Tyre  13,4%  13,6%  13,4% 
Attività Tyre - vendite Consumer  4.478,9  4.419,8  4.419,8 
% su vendite attività Tyre  73,2%  73,3%  73,3% 
Attività Tyre - vendite Industrial  1.636,9  1.611,5  1.611,5 
% su vendite attività Tyre  26,8%  26,7%  26,7% 
Attività Tyre - vendite Premium  2.210,0  2.075,9  2.075,9 
% su vendite Consumer  49,3%  47,0%  47,0% 
Investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali  413,1  470,9  470,9 
Spese di ricerca e sviluppo  199,2  178,9   178,9 
% su vendite  3,2%  2,9%  2,9% 
Spese di ricerca e sviluppo Premium  163,3  141,9  141,9 
% su vendite Premium  7,4%  6,8%  6,8% 
Dipendenti n. (a fine periodo)  37.979  37.338  37.338 
Siti industriali n.  23   23   23 

Per una maggiore comprensione dell’andamento del Gruppo, si forniscono di seguito i dati economici suddivisi per settori d’attività.

(in milioni di euro)
  Attività tyre Altre attivitàTotale
2013 2012 2013 2012 2013 2012
Vendite  6.115,8  6.031,3  30,4  40,2  6.146,2  6.071,5 
Margine operativo lordo ante oneri ristrutturazione  1.130,3  1.126,5  (24,9)  (23,6)  1.105,4  1.102,9 
Risultato operativo ante oneri di ristrutturazione  845,4  859,9  (28,9)  (28,3)  816,5  831,6 
Oneri di ristrutturazione  (23,4)  (39,1)  (2,1)  - (25,5)  (39,1) 
Risultato operativo  822,0  820,8  (31,0)  (28,3)  791,0  792,5 
% su vendite  13,4%  13,6%      12,9%  13,1% 
Risultato da partecipazioni          (78,3)  (52,2) 
(Oneri)/Proventi finanziari          (195,8)  (150,5) 
Risultato ante imposte          516,9  589,8 
Oneri fiscali          (210,4)  (198,3) 
tax rate %          40,7%  33,6% 
Risultato netto          306,5  391,5 
Posizione finanziaria netta (attiva)/passiva        1.322,4  1.205,2 

Di seguito è riportato l’andamento per trimestre:

(in milioni di euro)
  1° trimestre  2° trimestre 3° trimestre 4° trimestre Totale  
2013 2012 2013 2012 2013 2012 2013 2012 2013 2012 
Vendite  1.536,3  1.556,5  1.594,8  1.465,3  1.518,8  1.552,3  1.496,3  1.497,4  6.146,2  6.071,5 
yoy  -1,3%  11,1%  8,8%  5,5%  -2,2%  5,3%  -0,1%  5,3%  1,2%  7,5% 
Margine operativo lordo ante oneri di ristrutturazione  255,3  279,1  278,2  271,2  279,9  267,6  292,0  285,0  1.105,4  1.102,9 
% su vendite  16,6%  17,9%  17,4%  18,5%  18,4%  17,2%  19,5%  19,0%  18,0%  18,2% 
Risultato operativo ante oneri di ristrutturazione  183,0  214,7  205,1  205,1  208,8  199,2  219,6  212,6  816,5  831,6 
% su vendite  11,9%  13,8%  12,9%  14,0%  13,7%  12,8%  14,7%  14,2%  13,3%  13,7% 
Risultato operativo  179,8  212,7  200,9  192,6  201,0  195,5  209,3  191,7  791,0  792,5 
% su vendite  11,7%  13,7%  12,6%  13,1%  13,2%  12,6%  14,0%  12,8%  12,9%  13,1% 
Risultato ante imposte  114,6  188,9  137,1  155,9  158,5  126,3  106,7  118,7  516,9  589,8 
Risultato netto  72,1  123,6  78,0  94,9  108,0  84,8  48,4  88,2  306,5  391,5